Richiedi il buono sconto da 20 € per il tuo consulto online.

>>> Visto il periodo di ferie, i tempi di risposta dei consulti potrebbero essere più lunghi del dovuto.

Linfomi

Linfomi

I Linfomi includono diversi tipi di tumore, caratterizzati dalla proliferazione incontrollata di elementi più o meno immaturi della serie linfoide, che coinvolge uno o più linfonodi. Dai linfonodi coinvolti il clone di linfociti che presentano l’alterazione genica possono diffondersi attraverso il sistema circolatorio e linfatico ad altri linfonodi o organi, quali midollo, milza, pelle, polmoni, sistema nervoso centrale, stomaco e fegato.

È possibile suddividere i linfomi in due tipi: linfomi di Hodgkin e linfomi non-Hodgkin. Nella malattia di Hodgkin l’infiltrato cellulare è costituito dalla presenza di una popolazione minoritaria di cellule neoplastiche grandi e da una popolazione di linfociti. Nel linfoma non-Hodgkin l’infiltrato è costituito da cellule linfoidi neoplastiche. Di seguito una descrizione delle due patologie.

Linfoma o malattia di Hodgkin

Linfoma o malattia di Hodgkin malattia linfoproliferativa maligna caratterizzata dalla proliferazione di cellule neoplastiche associate ad una componente polimorfa reattiva. Si contraddistingue per la presenza, infatti, di cellule neoplastiche esclusive che costituiscono solo l’1,5% dell’intera massa tumorale, chiamate cellule di Reed Sternberg o cellule di Hodgkin, che derivano dai linfociti B e che richiamano cellule infiammatorie, tra cui linfociti, mastociti e granulociti reattivi. È, inoltre, possibile distinguere il linfoma di Hodgkin sulla base delle caratteristiche istologiche e cliniche in diversi sottotipi:

linfoma di Hodgkin a predominanza linfocitaria nodulare;
linfoma di Hodgkin classico che, a sua volta, si suddivide in linfomi a sclerosi nodulare, a cellularità mista, ricco in linfociti e a deplezione linfocitaria.

A differenza del linfoma non-Hodgkin, il linfoma di Hodgkin insorge in un unico linfonodo per poi coinvolgere i linfonodi contigui, partendo, nella maggior parte delle volte, dai linfonodi cervicali, sopraclaveari, mediastinici, degli ili polmonari ed ascellari. Le adenopatie in genere sono di consistenza dure ma non dolorose. I sintomi sistemici quando presenti comprendono febbre persistente, calo del peso corporeo superiore al 10%, sudorazioni notturne profuse e prurito.

La diagnosi viene fatta mediante biopsia possibilmente di un intero linfonodo o di una sede extranodale interessata, per la dimostrazione, mediante esame istologico, della presenza delle cellule di Hodgkin e per la identificazione del sottotipo. A completamento del quadro diagnostico possono essere richiesti esami ematochimici e indagini strumentali (radiografia, ecografia, TAC, RM e PET) utili per la stadiazione. 

La terapia viene scelta in base allo stadio clinico, alla presenza di sintomi sistemici e di fattori prognostici negativi e può includere la chemioterapia, la radioterapia e il trapianto autologo

Scopri di più sul Linfoma di Hodgkin.

Linfomi non-Hodgkin

Linfomi non-Hodgkin sono un gruppo eterogeneo di neoplasie linfoidi, che possono originare dai precursori dei linfociti B o T e che sono caratterizzate dalla proliferazione clonale e dell’accumulo di elementi linfoidi neoplastici. Alla base dei meccanismi patogenici ci sono alterazioni geniche dovute a traslocazioni cromosomiche; amplificazioni; delezioni o mutazioni somatiche.

I sottotipi istologici presentano differenti aspetti clinici, evoluzione e risposta alla terapia. Esordiscono solitamente con una o più adenopatie (linfonodi ingranditi) superficiali e non dolenti alla palpazione a livello cervicale, ascellare o inguinale o possono presentarsi anche in sede mediastinica o addominale senza ingrandimento dei linfonodi superficiali o in sedi extra-linfonodali (tonsille, stomaco, intestino, cute, polmone, tiroide, testicolo). Alle adenopatie possono accompagnarsi sintomi sistemici quali febbre, sudorazione profusa durante la notte, calo ponderale e più raramente prurito persistente.

Per la diagnosi e la stadiazione sono necessari la biopsia del linfonodo o della massa sospetta, gli esami del sangue, l’RX del torace, la TAC del torace, l’ecografia di addome e pelvi, la RM ed eventuale biopsia midollare per valutare un coinvolgimento del midollo osseo. La caratterizzazione istologica e il grado di diffusione condizionano la prognosi e indirizzano verso uno specifico programma terapeutico che potrà far ricorso a chemioterapia, immunoterapia, trapianto di cellule.

Scopri di più sul Linfoma non di Hodgkin.

Medici specializzati in linfomi

dr.ssa Antonia Salatino Radioterapista

dr.ssa Antonia Salatino

Radioterapista
Medico a Candiolo (TO)
Tumore del seno - Carcinoma della mammella - Linfomi - Metastasi ossee - Radioterapia - Sarcomi
Ferreri Andres Jose Maria Oncologo

dr. Ferreri Andrés José María

Oncologia
Medico a Milano
Linfoma di Hodgkin - Leucemia linfatica cronica - Linfomi - Linfomi cerebrali, testicolare, mediastinico, gastrico - Linfomi correlati a infezioni da HIV (AIDS) - Linfomi non di Hodgkin
dr.ssa Delia Rota Scalabrini Ematologo

dr.ssa Delia Rota Scalabrini

Ematologia
Medico a Candiolo (TO)
Mieloma Multiplo - Leucemia linfatica cronica - Linfoma di Hodgkin - Linfomi - Linfomi non di Hodgkin - Neoplasie mieloproliferative croniche - Sindromi mielodisplastiche (SMD) - Tricoleucemia
Moreno Tresoldi Medico Internista

dr. Tresoldi Moreno

Medico Internista Ematologo
Medico a Milano
Anemia - Artrite psoriasica - Artrite reumatoide - Celiachia - Dermatomiosite - Diabete - Effetti tossici e complicanze infiammatorie dell’immunoterapia dei tumori - Fibromialgia - Linfomi - Lupus eritematoso sistemico - Malattia di Erdheim Chester - Malattia di Still - Malattie autoinfiammatorie - Malattie del sangue e dei vasi - Malattie IgG-4 correlate - Malattie infiammatorie sistemiche - Mieloma Multiplo - Miocarditi - Morbo di Basedow-Graves - Neoplasie mieloproliferative croniche - Patologie autoimmuni - Pericarditi - Piastrinopenie - Psoriasi - Sclerodermia - Sclerosi sistemica - Senza diagnosi - Sindrome da affaticamento cronico CFS o encefalomielite mialgica ME - Sindrome di Sjogren - Sindromi mielodisplastiche (SMD) - Vasculiti ANCA associate e dei grossi vasi